Gestire l’ansia ai tempi del Coronavirus

649894e2ab763c69bb7764148d15e75e

Inevitabilmente lo sconvolgimento della vita quotidiana che si sta attraversando sottopone a stress e ingenera forti preoccupazioni che possono assumere il carattere di  vera e propria ansia.

La lontananza dai propri cari, l’isolamento sociale, i risvolti sul piano economico, le misure restrittive mettono a dura prova il benessere psicologico di ciascuno.

La domanda sorge spontanea: “Come posso gestire l’ansia?”

Ebbene, non esiste un rimedio universale in grado di curare tutti i mali, in questo caso psicologici. Questo perché ognuno sperimenterà una preoccupazione più o meno forte e diretta ad argomenti differenti, a seconda del proprio background, delle proprie esperienze di vita e del bagaglio di risorse psichiche a disposizione.

Esistono però alcuni consigli anti-panico, una serie di misure che chiunque può adottare per superare più efficacemente le preoccupazioni generate dalla attuale situazione di pandemia:

  1. Attenzione alle informazioni: è normale volersi informare sugli sviluppi della situazione attuale; avere informazioni può essere utile in chiave preventiva e ci dà indicazioni sui comportamenti migliori da attuare. Tuttavia è importante attingere a queste informazioni solo da fonti scientifiche e affidabili: purtroppo sui social e sul web circolano notizie false che possono accrescere il panico o spingere verso comportamenti poco coscienziosi e inutili (come svaligiare i supermercati).
    Affidiamoci a notizie che provengano da fonti ufficiali, aggiornate ed accreditate (Istituto Superiore di Sanità, Ministero della Salute, Protezione Civile).
  2. Abbuffate compulsive di informazioni: sono da evitare. Ricercare in maniera compulsiva, più e più volte al giorno, informazioni sull’emergenza sanitaria crea dei circoli viziosi comportamentali da cui può essere difficile uscire, e che inevitabilmente generano il panico. Sarà sufficiente accedere agli aggiornamenti un paio di volte al giorno: avremo così tutte le informazioni di cui necessitiamo.
  3.  La giusta prospettiva: bilanciare correttamente il focus dell’attenzione tra il qui ed ora ed il futuro. Concentriamoci sul quotidiano, su ciò che possiamo fare oggi, adesso, senza indulgere in pensieri catastrofici sul nostro avvenire. D’altra parte, consideriamo che la sofferenza che si prova nel dover sottostare alle misure restrittive è solo temporanea.
    Quando un pensiero ansioso ci attanaglia circa il nostro futuro, chiediamoci: mi è utile pensare a questo, ora? pensare a questo cambierà la situazione attuale? pensare a questo mi sta facendo stare bene?
    Se le tre risposte sono no, è il caso di abbandonare il pensiero negativo e concentrarsi sul presente.
  4.  Rete sociale: è fondamentale mantenerla, utilizzando qualsiasi mezzo a disposizione che ci permetta di rimanere in sicurezza. Chat, chiamate, videochiamate, contribuiscono a farci sentire meno la distanza dai nostri cari. Una forte rete sociale, anche quando è composta da pochi individui, fornisce in qualsiasi circostanza un paracadute psicologico che ci aiuti a mantenere il nostro benessere.
  5. Programmare le giornate: il nostro cervello funziona bene quando la nostra realtà è prevedibile, organizzata e programmata (entro certi limiti di tolleranza). Sebbene possa essere una forte tentazione, non è utile per noi lasciarci andare alla pigrizia. Ciò che è utile invece è cercare di mantenere le nostre abitudini, quelle alimentari, quelle che riguardano il ritmo sonno-veglia, quelle lavorative/scolastiche e quelle sociali (vedi punto 4). Questo tempo a disposizione può essere una utile risorsa per fare tutto ciò che non abbiamo mai tempo di fare: dedicarci a noi, nella maniera che ognuno sente più propria.

 

Se vi sentite sopraffatti, se l’ansia si manifesta in maniera forte o diventa addirittura panico, ricordate infine che può essere utile contattare uno psicologo che, anche attraverso lo strumento del colloquio online, saprà fornirvi indicazioni personalizzate per ritrovare la serenità e l’equilibrio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close